Alimentazione e integrazione

Alimentazione e integrazione

Gli esperti di Whole Foods (un’importante società alimentare statunitense) stilano negli ultimi mesi dell’anno la classifica dei 10 trend alimentari che dovremmo aspettarci dall’anno successivo. Per il 2021, uno dei trend individuati è l’assottigliarsi del confine tra cibo e integrazione.
Cosa significa? Che consideriamo il cibo un nutrimento per il nostro benessere. Integratori e alimenti si avvicinano sempre di più tra loro e vengono usati per diverse funzioni: dal mantenimento del benessere intestinale al miglioramento del sistema immunitario, grazie a componenti che hanno la capacità di ridurre gli stati infiammatori (come gli acidi grassi Omega 3, gli amminoacidi essenziali, la vitamina E).

Gli esperti di Whole Foods (un’importante società alimentare statunitense) stilano negli ultimi mesi dell’anno la classifica dei 10 trend alimentari che dovremmo aspettarci dall’anno successivo. Per il 2021, uno dei trend individuati è l’assottigliarsi del confine tra cibo e integrazione.
Cosa significa? Che consideriamo il cibo un nutrimento per il nostro benessere. Integratori e alimenti si avvicinano sempre di più tra loro e vengono usati per diverse funzioni: dal mantenimento del benessere intestinale al miglioramento del sistema immunitario, grazie a componenti che hanno la capacità di ridurre gli stati infiammatori (come gli acidi grassi Omega 3, gli amminoacidi essenziali, la vitamina E).

 

Fitoterapia e integrazione: cosa sono e a cosa servono?

    

Fitoterapia e integrazione: cosa sono e a cosa servono?

     

Fitoterapia e integrazione: cosa sono e a cosa servono?

Tra i nuovi interessi che abbiamo sviluppato in quest’anno di pandemia e che ci hanno accompagnati nei lunghi periodi passati a casa, c’è quello della fitoterapia. Con fitoterapia si intende l’utilizzo di rimedi naturali ed erbe officinali per migliorare il benessere dell’organismo, una forma di cura molto antica dedicata al benessere del corpo nella sua totalità.

Anche le piante aromatiche che coltiviamo sul balcone di casa hanno preziose funzioni benefiche per l’organismo.

Ecco qualche esempio: il basilico ha proprietà immunostimolanti e antinfiammatorie e facilita il sonno; il rosmarino riduce il gonfiore intestinale, favorisce la funzionalità epatica e svolge un’azione antibatterica; l’alloro svolge un’azione lenitiva per la tosse e migliora la digestione.

In Italia i preparati fitoterapici devono essere titolati: in etichetta vanno dichiarati i grammi dei principi attivi contenuti. Inoltre per determinate componenti sono fissati dei limiti massimi e in alcuni casi è obbligatoria la ricetta medica.

Molti fitocomplementi sono indicati come integratori alimentari, definiti “prodotti alimentari destinati a integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare, ma non in via esclusiva, aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate” (fonte: I.S.S.).

 

Integrazione: quando serve?

  

Integrazione: quando serve?

   

Integrazione: quando serve?

Le carenze più diffuse negli adulti dipendono da tanti fattori: dal sesso, dall’età, dallo stile di vita. L’integrazione viene in aiuto quando queste carenze sono particolarmente sviluppate.

Esistono particolari situazioni della vita in cui il medico e il farmacista raccomandano specifiche integrazioni:

  • acido folico in gravidanza;
  • ferro e vitamina D durante l’allattamento;
  • vitamina K e viamina D nei neonati;
  • calcio, ferro e vitamine dei gruppi B, C e D negli adolescenti;
  • vitamine D, B6 e B12 negli over 60.

 

Altri esempi di possibili necessità di integrazione?
Le donne sono più soggette a carenza di ferro e per la sindrome premestruale possono essere utili integratori a base di vitamina B6.
Se si è fumatori o si soffre di problemi cardiocircolatori, vengono in aiuto integratori a base di vitamina C.
Se si pratica sport a livello agonistico aumentano le necessità di ferro, magnesio e potassio.
Gli aminoacidi vengono in aiuto in momenti di particolare stress o durante una convalescenza.
Infine, chi segue una dieta vegetariana o vegana può avere la necessità di integrare il ferro e la vitamina B12.  

Vuoi ricevere consigli personalizzati sui migliori integratori e fitoterapici sulla base del tuo stile di vita? 

Chiedi una consulenza ai nostri farmacisti.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email