Insonnia d’estate: caldo e disturbi del sonno

Insonnia d’estate: caldo e disturbi del sonno

 Perché in estate si dorme di meno?

La bella stagione porta con sé le giornate di sole e le vacanze, ma purtroppo anche alcuni disturbi del sonno che prendono il nome di insonnia estiva.

In estate si modifica il ritmo sonno-veglia: un complesso meccanismo regolato da fattori quali la luce del sole, la temperatura esterna e la produzione di ormoni fondamentali per la qualità del sonno come la melatonina e la serotonina.

Il risultato? Si dorme meno, si dorme peggio. In questo periodo tra i sintomi più comuni figurano Difficoltà ad addormentarsi e frequenti risvegli notturni sono i sintomi più comuni che si riscontrano in questo periodo.

 

Di conseguenza, durante tutta la giornata è possibile avvertire una sensazione di stanchezza, difficoltà a concentrarsi e mal di testa. Il malessere generale influisce negativamente anche sull’umore.

Il caldo infatti mette a dura prova il nostro sistema venoso: le vene si dilatano, la circolazione rallenta e il ristagno di liquidi aumenta.

Quali sono le cause dell’insonnia estiva?

  • Carenza di melatonina

Quando le giornate si allungano, i livelli di melatonina si riducono perché l’ormone che regola il ritmo sonno-veglia viene sintetizzato nelle ore di buio.

 

  • Alte temperature

L’afa e le ondate di caldo tipiche dell’estate ostacolo l’abbassamento della temperatura corporea che favorisce il rilassamento e, quindi, il sonno.

  • Rumori notturni

Nel periodo estivo tendiamo a lasciare le finestre aperte anche di notte, esponendoci maggiormente ai rumori esterni che possono disturbare il sonno

  • Stress

Quando non riusciamo a dormire, il nervosismo aumenta ed entriamo in un circolo vizioso. Il riposo notturno può essere disturbato anche dal fastidioso ronzio delle zanzare e altri insetti.

La bella stagione porta con sé le giornate di sole e le vacanze, ma purtroppo anche alcuni disturbi del sonno che prendono il nome di insonnia estiva.

In estate si modifica il ritmo sonno-veglia: un complesso meccanismo regolato da fattori quali la luce del sole, la temperatura esterna e la produzione di ormoni fondamentali per la qualità del sonno come la melatonina e la serotonina.

Il risultato? Si dorme meno, si dorme peggio. In questo periodo tra i sintomi più comuni figurano Difficoltà ad addormentarsi e frequenti risvegli notturni sono i sintomi più comuni che si riscontrano in questo periodo.

 

Di conseguenza, durante tutta la giornata è possibile avvertire una sensazione di stanchezza, difficoltà a concentrarsi e mal di testa. Il malessere generale influisce negativamente anche sull’umore.

Il caldo infatti mette a dura prova il nostro sistema venoso: le vene si dilatano, la circolazione rallenta e il ristagno di liquidi aumenta.

Quali sono le cause dell’insonnia estiva?

  • Carenza di melatonina

Quando le giornate si allungano, i livelli di melatonina si riducono perché l’ormone che regola il ritmo sonno-veglia viene sintetizzato nelle ore di buio.

  • Alte temperature

L’afa e le ondate di caldo tipiche dell’estate ostacolo l’abbassamento della temperatura corporea che favorisce il rilassamento e, quindi, il sonno.

  • Rumori notturni

Nel periodo estivo tendiamo a lasciare le finestre aperte anche di notte, esponendoci maggiormente ai rumori esterni che possono disturbare il sonno

  • Stress

Quando non riusciamo a dormire, il nervosismo aumenta ed entriamo in un circolo vizioso. Il riposo notturno può essere disturbato anche dal fastidioso ronzio delle zanzare e altri insetti.

 Come dormire bene d’estate?

Dormire bene d’estate può sembrare un’impresa ardua, ma non è impossibile.
Esistono alcuni accorgimenti e buone abitudini che possono aiutarci a favorire il sonno e contrastare gli effetti dell’insonnia estiva.

  • Evita pasti abbondanti soprattutto di sera e limita il consumo di caffè, alcolici e bevande energetiche.
  • Usa lenzuola e abiti in fibre naturali e traspiranti come il cotone e il lino. Evita i tessuti sintetici.
  • Fai una doccia fresca per abbassare la temperatura corporea e favorire il rilassamento prima di coricarti.
  • Non utilizzare il cellulare prima di dormire e non lasciare il dispositivo vicino durante la notte: il calore generato e la luce blu sono nemici del sonno!
  • Abbassa le persiane durante il giorno per non fare entrare troppa luce e calore, così da mantenere l’ambiente della camera da letto più fresco.

 Rimedi naturali per il riposo notturno

Combattere l’insonnia senza ricorrere ai sonniferi è possibile: esistono diversi rimedi naturali che possono facilitare il rilassamento e migliorare la qualità del sonno.

Per dormire meglio d’estate puoi preparare una tisana o un infuso a base delle seguenti erbe e piante:

  • Melissa

Indicata per rilassare mente e corpo grazie all’azione calmante, ansiolitica e spasmolitica. Riduce gli stati d’ansia e il nervosismo favorendo il riposo notturno.

 

  • Biancospino

Ha un effetto sedativo e antispasmodico utile per trattare situazioni ansiose e ridurre tachicardie, palpitazioni e agitazioni.

  • Valeriana

Presenta proprietà sedative, antispastiche e ansiolitiche. Favorisce il rilassamento e riduce il tempo necessario per addormentarsi.

  • Camomilla
    Indicata per migliorare la qualità del sonno grazie all’azione calmante, rilassante e lenitiva. Aiuta a distenderei muscoli e allevia lo stress.

Cerchi un integratore alimentare che le contenga tutte? NATURAL SLEEP favorisce il sonno e il benessere mentale grazie allo speciale mix di erbe, piante e vitamina B6.

NATURAL SLEEP

NATURAL SLEEP

Integratore alimentare per il rilassamento ed il benessere mentale

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email